MASSIMO MARIN

Nato a Torino da una famiglia di musicisti, compie gli studi musicali sotto la guida di Lorenzo Lugli. Diplomatosi giovanissimo, vince subito dopo i Concorsi per l’Orchestra della RAI e per un posto di violino di spalla nell'Orchestra del Teatro Regio, ruolo che coprirà successivamente anche nelle “Orchestre dei Pomeriggi Musicali di Milano, Haydn” di Bolzano e Trento, Orchestra da Camera Italiana, Stabile di Bergamo, Camerata Fiesolana, Orchestra del Teatro alla Scala, Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilla ed attualmente Orchestra del Teatro San Carlo di Napoli. Ha approfondito la propria preparazione con Salvatore Accardo, Leonid Kogan, Corrado Romano; inoltre, per la Musica da Camera, alla quale da sempre dedica una parte importante della propria attività, con Sergio Lorenzi, Piero Farulli, il Duo Gulli-Cavallo. Nel 1974 ha vinto il l° Premio del Concorso Nazionale di Vittorio Veneto e nel 1979 il 2° Premio del Concorso internazionale “Romanini” di Brescia. Attivo come solista in Italia e all’estero, quale membro di ensamble cameristici (duo col pianista Andrea Bambace, Quintetto Italiano, Solisti Veneti, Nuovi Virtuosi di Roma, Solisti Italiani) ha compiuto tournées in tutto il mondo. È stato invitato da Claudio Abbado a collaborare con la Chamber Orchestra of Europe e scelto da Riccardo Muti tra le Prime Parti dell’Orchestra e della Filarmonica del Teatro alla Scala, dove ha suonato sotto la guida dei più grandi direttori. Nel 1992 è stato insignito del Premio “Una Vita per l’Arte”. È insegnante di violino presso il Conservatorio di Torino e nel corso della sua ormai venticinquennale attività, ha guidato numerosissimi allievi ad affermarsi in Concorsi Nazionali ed Internazionali solistici e per posti in Orchestra. Suona un violino Giovanni Battista Guadagnini del 1747.